Genesi e criticità della Metro C



Seppur negli anni si siano succeduti tanti piani regolatori, la terza metropolitana di Roma ha visto i primi viaggiatori il 9 novembre 2014 sulla tratta Parco di Centocelle-Pantano, che non è altri che la riproposizione di buona parte del tracciato della ex ferrovia Roma-Pantano (oggi Termini-Centocelle). 

Per approfondimenti: Come ti apro la Metro C e La Metro C si è rotta alla prima corsa, anzi no

Il prolungamento fino alla stazione Lodi è stato attivato il 29 giugno 2015. La linea offre due tipi di servizi: Lodi-Pantano, con un treno ogni 12 minuti, e Lodi-Alessandrino, sul quale la sovrapposizione con le corse complete consente una frequenza a 6 minuti. Il servizio è esercitato a binario banalizzato tra Malatesta e Lodi (in futuro San Giovanni) per mancanza di binari di inversione.

Il parco rotabile è composto da 13 treni Ansaldobreda così ripartiti: 6 per le corse complete Lodi-Pantano, 3 per le corse limitate Lodi-Alessandrino, 2 riserve per eventuali sostituzioni, 2 in manutenzione.

Maggiori criticità

  • Traffico passeggeri
  • Grave decadimento dell’esercizio a partire da giugno 2016

Il nostro tour sulla Metro C 30/4/2015 - #OpenDayMetroC – Una passeggiata nel futuro


Post popolari in questo blog

Piazzale Appio, dal 2 ottobre cambia la viabilità

Il 9 ottobre deviazione ai bus per lavori in via Pindaro

Lazio-Fiorentina. Come cambia il trasporto pubblico?